8 marzo 2022

8_marzo_2022

Per la Giornata Internazionale della Donna
il Magistero Accademico
il Presidente Onorario
e gli Accademici tutti

salutano le

Accademiche Ordinarie

Lucia Bertoglio, Segretaria dell’Accademia
Rita Fanelli Marini, Consigliera
Matelda Albanesi, Luciana Cardarelli Grifi, Emanuela Cecconelli, Maria Giovanna Galligari Lupidi, Rossana Landi, Elena Laureti, Patrizia Liviabella Furiani, Annamaria Menichelli, Maria Romana Picuti, Veruska Picchiarelli, Anna Maria Rodante, Paola Tedeschi

e le
Accademiche Corrispondenti

Carla Barberi Glingler, Lia Barelli, Liliana Barroero, Alessandra Bartolomei Romagnoli, Catia Bastioli, Giordana Benazzi, Anna Benvenuti, Maria Biviglia, Laura Bonomi Ponzi, Silvia Bosi, Luciana Brunelli, Marzia Caria, Giovanna Casagrande, Letizia Catarinelli, Cecilia Cristofori, Laura D’Erme, Marika Di Cesare, Anna Rita Falzacappa, Anna Eugenia Feruglio, Michela Foianesi, Marta Gaburri, Vittoria Garibaldi, Marcella Gianformaggio Antonelli, Laura Lametti, Maria Rita Lorenzetti, Marta Maffei, Laura Manca, Dorica Manconi, Nicoletta Natalucci Sasso Massi Benedetti, Giuseppina Prosperi Valenti Bacchi, Simonetta Prosperi Valenti Rodinò, Benedetta Ricci, Federica Romani, Lucetta Scaraffia, Roberta Taddei, Anna Torti Piasentin, Maria Anna Vaccari.

con sensi
di grande Amicizia e di alta Considerazione

Immagini collegate:

Ad multos annos cardinale Betori

Betori
HAC DIE
XXV FEBRUARII ANNO MMXXII
ACADEMIAE FULGINIAE SODALES
ROGANT
LITTERARUM SCIENTIARUM ARTIUM
CULTORES
QUI LIBENTISSIMO RECIPIANT ANIMO
QUINTUM ANNUM ET SEPTUAGESIMUM COMPLENTEM
IOSEPHUM BETORI
CARDINALEM A TITULO SANCTI MARCELLI
ARCHIEPISCOPUM FLORENTINUM
CONCIVEM SODALEM FULGINEUM
MAGISTRUM IN RE BIBLICA
PASTOREM QUAM MAXIME INSOMNEM
PROUT AMICITIA BENEVOLENTIA ADMIRATIO
SIGNIFICANDUM IUBENT

L’Accademia Fulginia di Lettere Scienze e Arti, istituita nel 1759 e ricostituita nel 1961, raccoglie i lasciti dei molti Sodalizi culturali che si sono succeduti nel tempo ed in particolare delle Accademie dei Rinvigoriti (1707), di Arcadia, degli Agitati, della Repubblica Letteraria degli Umbri, degli Ergogeofili e dei Forti. Molti furono gli eruditi, i letterati e gli scienziati che ne fecero parte: uomini eminenti di appartenenza nobiliare e civile, laici per lo più ma anche ecclesiastici; e talune donne d’ingegno esemplare le quali superarono con rara valentìa le tante barriere frapposte dal comune sentire dei tempi.


Giuseppe Betori è stato acclamato Accademico Ordinario il 30 ottobre 1984. Giovane presbitero, allora donava saperi, ammaestramenti e amicizia nella sua Diocesi di Foligno.

Nell’arco di tempo compreso tra il 1707 e il 1984, i prelati aggregati al nostro Sodalizio, uomini di Chiesa poi elevati al cardinalato o già porporati, furono i seguenti: Antonio Bacci, Alessandro Barnabò folignate, Stefano Borgia, Cesare Brancadoro, Romualdo Braschi Onesti Cardinale Protettore di Foligno, Giovanni Ottavio Bufalini, Giovanni Battista Bussi de Pretis, Saverio Canale, Ercole Consalvi, Gennaro Antonio De Simone, Luigi Ercolani folignate e Cardinale Protettore del conservatorio di Sant’Orsola in Foligno, Giovanni Francesco Falzacappa, Giulio Gabrielli, Giuseppe Garampi, Luigi Gazzoli, Giacinto Sigismondo Gerdil, Valentino Mastrozzi, Carlo Opizzoni, Viviano Orfini folignate, Bartolomeo Pacca Cardinale Protettore di Foligno, Domenico Passionei, Vincenzo Ranuzzi, Giovanni Battista Rezzonico.

Nel 2011, Walter Brandmüller diventava Accademico d’Onore. Il 18 febbraio del 2012, Giuseppe Betori sarebbe asceso al titolo di San Marcello.

Il profilo biografico (dal sito dell’Arcidiocesi di Firenze)

Lo stemma cardinalizio (dal sito dell’Arcidiocesi di Firenze)

La brochure accademica di omaggio al card. Giuseppe Betori (in pdf)

Crediti
Autore del titolo epigrafico: Fortunato Frezza
Foto di copertina: https://www.diocesifirenze.it – la veduta di Foligno: Foto Preziotti

La brochure accademica:
grafica di Michelangelo Augusto Spadoni
stampa: Tipografia Sociale – Foligno

Immagini collegate:

Con Dante nel 2022

Dante_Ambrosi_Testata

L’Accademia Fulginia vuole fare gli auguri per il nuovo anno, come è nel suo stile, in modo non stereotipato e, soprattutto, aprendo nuovi fronti nella ricerca e nella conoscenza del patrimonio culturale prodotto in Foligno.

Fortunato Frezza, accademico fulgineo, ci guida nel seguire il Dantis iter in Deum. Con Dante dalla Selva all’Empireo di Giovanni Ambrosi (1886-1972), quarto presidente della “nuova” Fulginia dal 1968 al 1971.

Nel settimo centenario della morte di Dante Alighieri l’Accademia Fulginia di Foligno intende celebrarne la memoria, riscoprendo nel patrimonio librario dei Soci e rileggendo un volume, che sarebbe stato ignominioso lasciar poltrire indisturbato sopra un ignaro piano di scaffale. Associando Dante e Foligno, sarebbe d’obbligo lasciare libero corso all’immaginazione e immediatamente alludere alla prima edizione a stampa della Divina Commedia. Ma non è esattamente questo il caso, ancorché tale intuizione non si discosti troppo dal medesimo ambito mentale, dato che il volume e l’autore vantano una schietta appartenenza folignate, mentre l’argomento è splendidamente dantesco.

Quando nel 1965 fu commemorata la nascita di Dante Alighieri nel settimo centenario, un erudito folignate, Giovanni Ambrosi, futuro presidente dell’Accademia Fulginia, dette alle stampe una singolare opera bilingue dal sontuoso frontespizio, anch’esso bilingue: Dantis iter in Deum. Con Dante dalla Selva all’Empireo. Interpretazione latina di episodi salienti della “Divina Commedia” con il testo dantesco a fronte e sintesi italiana e latina di tutto il poema. Prefazione di Giuseppe Ijsewijn dell’Università di Lovanio, 1265-1965, Settimo Centenario della nascita di Dante Alighieri. Poligrafica F. Salvati, Torino, Stabilimento di Foligno 1965.

Il frontespizio dell’opera di Giovanni Ambrosi

1. Il libro Dantis iter in Deum

2. L’autore: Giovanni Ambrosi

3. Dante dal 1265 al 2021

Immagini collegate: